ATTILIO FONTANA
Attore, cantante, compositore e performer.

BIOGRAFIA

Nasce a Roma il 15 Febbraio 1974 da genitori musicisti.
La madre Adele era diplomata in fisarmonica al conservatorio Anzaghi di Milano ed entrambi suonavano questo stesso strumento in orchestra. Martino, il padre, dirigeva alcune bande musicali nella Tuscia e negli anni 50 aveva un’orchestra tutta sua che si esibiva sulle navi da crociera.

Da loro, inevitabilmente, eredita la passione per la musica e per l’arte in ogni sua forma.

Frequenta il Liceo Artistico e si iscrive alla facoltà di Architettura, che abbandona quasi subito per scegliere il corso di Scultura all’Accademia di Belle Arti nel cuore di Roma, in via Ripetta. Parallelamente si fa strada nei suoi interessi il teatro e inizia così a frequentare diversi corsi e workshop e a recitare in alcune compagnie di teatro sperimentale.

Esordisce come vocalist a soli sedici anni nella trasmissione Papaveri e Papere condotta da Pippo Baudo, diretta da Michele Guardì.

Ma come tanti suoi colleghi è nelle cover band che inizia la sua carriera da voce solista; con i Mattilla Horn e gli Interno46 spazia dal rock al blues per poi approdare al coro pop gospel della capitale, SAT&B, diretto dalla sorella Maria Grazia. Sono numerosi i concerti e i primi incontri importanti: sono in Vaticano con Giorgia, al Quirinale con Bocelli, Renato Zero e altri artisti.

Non abbandona però l’attività di attore: pubblicità, fotoromanzi per le riviste, videoclip e il teatro di ricerca.

Nel ’94 arrivano I Ragazzi Italiani con i quali si fa conoscere al grande pubblico e realizza sei album e un album in castigliano per il Sud America. Vincono un disco di platino, due dischi d’oro e realizzano quattro Tour italiani e un Tour mondiale. Il successo è grande e scalano in fretta le classifiche nazionali e internazionali.

Nel 2000, dopo lo scioglimento del gruppo, inizia a dedicarsi con più assiduità all’attività di attore recitando a teatro, in vari musical e sul piccolo e grande schermo. Nello stesso periodo fonda, insieme ad altri soci, uno studio di registrazione e un’etichetta: D’AltroCanto.

Inizia con ruoli di puntata in Don Matteo e Angelo Il custode nel 2001 il suo percorso nella fiction italiana ma è con Il bello delle donne 3 che si fa conoscere e amare dal grande pubblico. Salvatore Samperi lo vuole in Madame nel 2004 e di nuovo nel 2006 lo ingaggia per il ruolo del Conte Enrico Sala in L’onore e il rispetto. La sua carriera nella fiction continua con Caterina e le sue figlie 2, per la regia di V. Terracciano e L. Parisi. E ancora Carabinieri 7, Turbo e di nuovo Caterina e le sue figlie 3, questa volta con Benvenuti, Inturri e Mosca alla regia. Di nuovo con Inturri, nel 2014, gira Rodolfo Valentino.

Inizia invece con Tosca – Amore disperato, scritto da Lucio Dalla, la sua presenza sempre più attiva sul palcoscenico delle grandi produzioni teatrali.

Nel 2007 prende vita Actor Dei – l’attore di Dio, l’opera musical incentrata sulla figura di Padre Pio da Pietralcina, un progetto imponente di cui è direttore artistico e autore di musiche e testi. Nel 2018 lo spettacolo viene ripreso vedendo Attilio anche nei panni del Santo.

Nel frattempo prosegue il lavoro di compositore e produttore artistico con l’album di esordio A, scritto a quattro mani con il chitarrista Franco Ventura per Platinum e Universal.

Nel 2008 è Berger, spudorato e forte leader, nella versione riarrangiata da Elisa del musical Hair, diretto da Luca Tommassini e G. Solari.

Nel 2010 continua la scia rock con Pianeta Proibito, nell’allestimento ancora una volta di Luca Tommassini, dove lo vediamo accanto a Lorella Cuccarini.

Approda al Festival della Magna Grecia, nel 2013, con Agorafollia voluto da Giorgio Albertazzi come unica pièce originale del festival. Spettacolo interamente scritto e diretto con Emiliano Reggente, in scena con Ilaria Porceddu.

Proprio per Ilaria, nel 2013, scrive il brano In equilibrio di cui è autore e produttore, che la cantante porta sul palco del Festival di Sanremo.

Nel 2013 inizia la sua avventura nella fortunata trasmissione televisiva Rai, diretta da Carlo Conti, Tale e Quale Show dove vince il titolo di Campione e Supercampione nell’anno successivo.

Il secondo album si intitola Formaggio ed esce per Senza Dubbi – Believe -Nic nel 2014.
Nel 2015 è di nuovo sul piccolo schermo, per Mediaset, chiamato da Maria De Filippi come coach nel programma Pequenos Gigantes.

In quello stesso anno è a Web Notte di Gino Castaldo ed Ernesto Assante per Repubblica TV dove consolida la sua collaborazione con Emiliano Reggente riconfermando il duo Strimpelli e Vinile. Con Emiliano, infatti, firma la commedia musicale dal titolo La Vera Storia di Joe Strimpelli & Gigi Vinile portando in scena quell’atmosfera un po’ retrò, ricordando la comicità elegante di Dean Martin & Jerry Lewis.

Nel 2017 inizia la fortunata tournée teatrale di Vacanze Romane che lo vede in scena come protagonista, al fianco di Serena Autieri, nel ruolo di Gianni Velani.

Ancora in teatro nel 2018 con Amici, Amori, Amanti…ovvero la Verità, con Pino Quartullo, Daniela Poggi ed Eva Grimaldi, per la regia di Enrico Maria Lamanna.

Nel 2020 inizia la tournée con Quegli Strani Vicini di Casa di Cesc Gay per la regia di Luigi Russo, interrotta poi a causa delle restrizioni dovute al Covid-19.

Tra le interessanti collaborazioni, Attilio, realizza dei featuring con la cantautrice Momo nel brano 5 Alibi e con Ivan Granatino per Gesù –  L’Ultimo Comunista.

Con la compagna, Clizia Fornasier, scrive e interpreta due singoli: Terra2 e La Bellezza.

Nel 2020 la pandemia e le difficoltà gli negano la possibilità di portare a compimento una sua idea di concerto “confessionale”: swing, bossa nova e un sapore un po’ retrò per alcuni brani a cui tiene particolarmente. Non potendo godere della presenza del suo pubblico, grazie al supporto digitale, porta Sessioni Segrete a casa loro. L’album racchiude una selezione dei suoi brani più famosi e alcuni omaggi in una versione acustica in trio con Franco Ventura e Roberto Rocchetti.

Di prossima uscita un vinile commemorativo di Ivan Cattaneo che conterrà una sua versione di Polisex per i quarant’anni dall’uscita del brano.